Skip to content

ASTROMUNDI Notte Bianca dell’UNESCO 2018 a Palazzo dei Normanni – Palermo

Palermo festeggia la sua nomina ufficiale a Capitale italiana della Cultura 2018!

Fra i tantissimi eventi previsti durante l’anno, Sabato 10 Marzo, dalle 19 a mezzanotte, Il Palazzo Reale di Palermo (noto come Palazzo dei Normanni), ha aperto le sue sale, il giardino e la Cappella Palatina a una folla di oltre 20.000 persone!

L’evento ASTROMUNDI (ovvero astronomia/stella e Stupor Mundi, espressione latina attribuita a Federico II), organizzato dalla Fondazione Federico II con la collaborazione dell’ INAF – Osservatorio Astronomico di Palermo, ha registrato un successo incredibile facendo slittare la chiusura dei cancelli, prevista alle 23, a oltre la mezzanotte!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tutto è cominciato all’esterno del Palazzo con un video mapping sulla facciata con immagini dedicate a Federico II, alla Cappella Palatina e ai mosaici aurei della Sala di Ruggero II.

Il Palazzo sorge sul piano più elevato della antica città. I sovrani Normanni lo resero un centro complesso e polifunzionale che esprimeva tutta la potenza della monarchia.

Il percorso organizzato è stato strutturato come un viaggio nel tempo!

Prima tappa: LA CAPPELLA PALATINA

dsc_0124.jpg

Dopo una fila di circa cinque minuti, riusciamo ad entrare e il bagliore ci sorprende!

DSC_0125

La Cappella Palatina è uno dei massimi capolavori dell’arte bizantina siciliana e fonde componenti locali con influenze straniere, realizzando forme nuove e originali.

Re Ruggero II vi accedeva attraverso passaggi interni, mentre i fedeli utilizzavano una scala esterna che dava sul cortile.

Il pensiero del re era che ogni cosa, all’interno della cappella, decorativa o architettonica, dovesse contenere sempre elementi diversi, così che il visitatore potesse essere stimolato sempre di più dal bagliore della luce dorata intrecciata agli elementi architettonici.

dsc_0137.jpg

Come uno splendido arazzo, il manto d’oro ricopre tutte le pareti! E poi lo sguardo va sempre più in alto fino ad ammirare il soffitto!

dsc_0135.jpg

Sontuoso con il suo splendido motivo a muqarnas di tradizione islamica.

dsc_0151.jpg

La presenza di un trono, posto di fronte all’altare, fa pensare che questo non fosse solo un luogo destinato ai riti religiosi ma anche a cerimonie laiche. E questo spiegherebbe anche la presenza del Cristo in trono posto in questa parte della cappella

dsc_0133.jpg

…in corrispondenza del Cristo Pantocrator posto sopra l’altare.

dsc_0134.jpg

Si prosegue fuori dalla cappella dove un gruppo di studenti del Corso di conservazione e restauro dei Beni Culturali dell’Università di Palermo, mostrano ai visitatori come lavorare i materiali utilizzati per la realizzazione dei mosaici e dei pavimenti.

dsc_0159.jpg

Il tour ci conduce poi al piano superiore con la scoperta degli Appartamenti Reali, della Sala d’Ercole e delle sale “da ballo”.

DSC_0170

La Sala d’Ercole viene utilizzata, dal 1947, per le sedute dell’ Assemblea Regionale Siciliana, il primo Parlamento italiano fra i più antichi d’Europa!

dsc_0172.jpg

Viene chiamata così per le pitture che raffigurano le 12 fatiche di Ercole del 1799 dell’artista Giuseppe Velasco.

Si passa poi per altre piccole sale come la Sala Pompeiana

DSC_0189

…voluta da Leopoldo di Borbone 1830 al 1835 e decorata da Giuseppe Patania, secondo i gusti dello stile neoclassico che prende spunto dalle scoperte archeologiche di Ercolano e Pompei.

DSC_0190

La Sala Cinese, realizzata dai fratelli Salvatore e Giovanni Patricolo, la quale evoca una moda che affascina le corti europee tra il XVIII e il XIX secolo e che ritroviamo nel Parco della Favorita con la Casina Cinese (VEDI QUI) ma anche in giro per l’Europa, come il Padiglione cinese a Stoccolma (VEDI QUI).

dsc_0192.jpg

La suggestiva Sala dei Venti, ubicata all’interno di una delle torri medievali del palazzo, coperta da un magnifico soffitto ligneo del ‘700 al cui centro brilla la rosa dei venti…

dsc_0028.jpg

…e che fa da anticamera all’aurea Sala di Ruggero II, con le stupende decorazioni a mosaico volute dal figlio Guglielmo I.

dsc_0031.jpg

I mosaici, a differenza di quelli della Cappella Palatina, hanno matrice profana e rappresentano scene di caccia, allegorie e motivi decorativi multicolore.

dsc_0037.jpg

Da qui si giunge alle magnifiche sale “da ballo”: Sala Rossa e Sala Gialla, alla scoperta delle attività proposte dall’ Osservatorio Astronomico di Palermo e dal Parco Astronomico di Isnello Gal Hassin.

dsc_0018.jpg

In Sala Rossa, con il supporto degli astronomi, i visitatori hanno toccato dei veri meteoriti e grazie all’utilizzo di un modellino in scala del Tubo in Alto Vuoto del Laboratorio Xact, hanno scoperto come la ricerca astronomica e spaziale a Palermo sia attiva e all’avanguardia.

dsc_0001.jpg

In Sala Gialla, l’astronomo Angelo Adamo, ha incantato il pubblico con una magica esibizione musicale…solo lui e la sua armonica!

Il tour è ormai quasi concluso, manca solo da visitare i Giardini Reali dove gli astronomi hanno messo a disposizione del pubblico due telescopi per potere effettuare delle osservazioni del cielo.

Grazie a Mario Guarcello, i visitatori hanno ammirato gli ammassi stellari più brillanti!

dsc_00681.jpg

Che emozione!

Non ci resta che fare un ultimo giro per il giardino “nascosto”.

Il Giardino Reale, si trova all’interno di uno dei bastioni delle mura di cinta del palazzo. Molte persone non sono a conoscenza di questo piccolo polmone verde, ricco di piante e alberi di varia origine.

unesco giardino reale

E’ incredibile la vista sulla cinquecentesca Porta Nuova, illuminata e maestosa!

dsc_0055.jpg

A questo punto il tour è davvero finito… la gente aumenta, così come aumenta la soddisfazione nei loro occhi! ❤

Dalle 19 all’una di notte non abbiamo avuto un attimo di tregua…avrei dovuto sentirmi distrutta ma la verità è che ero troppo felice! 🙂

La nostra città è così bella… ricca e magica! Sono eventi che la rendono di nuovo una grande Capitale!

Tantissimi altri monumenti sono stati aperti durante la Notte Bianca dell’Unesco, come  La Zisa (VEDI QUI) che ha riscosso un grandissimo successo !

Quest’anno ne vedremo delle belle! ❤

Seguimi anche su FB (@gliocchidellavoce) e su Instagram (@thesingerrialle)!

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: